giovedì 27 novembre 2014

L'Isola che non c'è ora c'è

Ecco, l'ho fatto.
Ho riflettuto, tentennato, rimuginato.. alla fine sono riuscita a cambiare nome al blog.
Non so se sia una cosa "buona e giusta", ma l'ho fatto comunque.
Ho pensato se aprire un nuovo blog, se cambiare piattaforma, se cambiare nome... alla fine per ora ho semplicemente cambiato il nome, perché non voglio che nulla di quello che ho scritto fino ad ora vada perso. Ma sto facendo esperimenti.
Per me i contenuti di questo blog sono momenti di riflessione che hanno avuto un certo peso e che mi rappresentano.
Tuttavia, il titolo dato al blog in origine non mi apparteneva più, mi sembrava che con me non avesse più nulla a che vedere.
April non c'è più da parecchio, io sono Chiara.
E' vero, questo blog tratta di piccole cose, di fatterelli e considerazioni senza importanza.
Però sono importanti per me, quindi mi sembrava di svilire i miei stessi pensieri.
Questo blog è la mia isola che non c'è: pochi amici "in carne ed ossa" sanno della sua esistenza (per la precisione solo due), tutti gli altri devono riuscire ad approdare qui, che sia per caso o per intenzione.
Questo blog racconta il mio piccolo viaggio, nella vita e dentro di me: quindi mi piace descriverlo con una frase che parli di viaggi in senso lato
Evito per ora di modificare l'indirizzo del blog... è vero che ci capitano sempre le stesse due o tre persone, ma temo di fare pasticci.
Anzi: se qualcuno sa dirmi che succede in caso di modifiche di indirizzo, grazie mille.
Siete i benvenuti sulla mia Isola, tutti.

10 commenti:

  1. Oddio mica me n'ero accorta!!!
    Fiiii che lettrice stordita che haiiiiii
    Bisous

    RispondiElimina
    Risposte
    1. No, beh, non è proprio colpa mia: nell'elenco dei blog compari ancora cl vecchio nome.
      Comunque riflettevo... a me il nome vecchio non dispiaceva affatto e non sminuiva i tuoi pensieri nè, tantomeno, la tua vita. Era come te: tu non esageri mai, "understatement" è il tuo secondo nome, le tue virtù distintive: la sobrietà e la discrezione.
      Se ora ti senti in viaggio fai bene a cambiare il titolo del blog ma non perchè l'altro sia sbagliato, è solo, per il momento, meno adatto al momento...
      Invece io sì che dovrei cambiare il mio titolo, io che di tempo, ora, ne ho d'avanzo... qualcuno ne vuole un po'???

      Elimina
    2. Quando vuoi! Cosa posso fare per te?
      :)

      Elimina
  2. Devi accedere di nuovo e risalvarlo: così compare con il nome nuovo. Non potevi accorgertene.. L'ho fatto in contemporanea al post.
    Io resto io, con understatement e piccoli pensieri: così sono e altro non so fare. Non mi piaceva più che ci fosse il vecchio nick, quella non ero io. Anche se a April devo molto più che un blog.

    RispondiElimina
  3. Io non posso proferir verbo.....ho aperto un blog con un nome, l'ho cambiato, ho aperto un nuovo blog, l'ho chiuso.....sono una pasticciona....ma posso dirti che mi è servito. Aprire un nuovo blog mi ha fatto capire una cosa molto importante......non serve cambiare vestito per sentirci diverse....possiamo esserlo comunque. Diverso è il tuo motivo..... al vecchio nome sono affezionata......ma quello che più conta è che tu scriva.......
    un abbraccio!!!!!
    Ste

    RispondiElimina
  4. ho tentennato prima di farlo, perché ero affezionata anch'io al vecchio nome; ma poi non so come mai ha avuto la meglio la voglia di cambiare.
    io sono irrequieta, dove posso cambio; e ora era il momento del blog.
    Io però non cambio, e soprattutto non smetto di scrivere: è uno sfogo troppo importante.
    un bacio grande Ste, a presto

    RispondiElimina
  5. Cara Chiara, perdonami ma io mi ci ero proprio affezionata. Forse ci avrei tolto solo 'April'.
    Ma va bene lo stesso dai... me ne farò una ragione
    Un carissimo saluto

    RispondiElimina
  6. ok.. ho capito :-))
    che ne dite, così va bene?
    baci a tutti

    RispondiElimina