martedì 7 ottobre 2014

Piccole cose... del resto, siamo qui per questo




Incombe l'autunno sui tavolini del piccolo caffè delle mamme.
Presto questo spazio aperto dovrà arrendersi al freddo, all'umido ed alla vetrata che viene rimontata ogni anno in questo periodo e che basta appena a riparare i soliti irriducibili dai rigori e dalla pioggia d'inverno.
 
Peccato, ma noi mamme restiamo fra gli  irriducibili, anche chiuse nell'acquario.
Stamattina abbiamo indugiato in chiacchiere un po' più del solito, quanto basta per farmi trovare aperta, sul cammino per l'ufficio, la piccola libreria che mi piace tanto.
Il nostro piccolo borgo può contare tre o quattro librerie degne di questo nome (una vergogna, considerando che sfioriamo i 50.000 abitanti... lasciamo stare), ma questa è la mia preferita. Ha il nome e il calore del sole, un'accoglienza discreta e amichevole, ed un buon numero di libri assolutamente non banali e meno commerciali di quelli delle mega librerie.
La giornata grigia mi ha indotto a cercare conforto prima di affrontare gli ectoplasmi del lavoro.
Ne sono uscita a malincuore, ma soddisfatta, stringendo un piccolo talismano dalla copertina rasserenante ed un libretto di cucina appartenente ad una serie che mi piace molto.
 
Arrivata in ufficio, ho trovato ad attendermi un altro libro, questa volta ordinato on line
 
 

 
Foto e ricette da sogno... come sempre.
La giornata è grigia,  piovosa e freddina, ma le piccole cose riscaldano.
 
 

5 commenti:

  1. In fondo anche la zuppetta calda aveva questo scopo...
    Mi racconterai di quali sono le cose non noiose ma, soprattutto, come possono essere noiose se rendono felici?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. infatti: non sono noiose
      pag 70: "chiama i tuoi amici di sempre e non dimenticare da dove vieni né dove vai"
      pag: 109: "ridi spesso, e se ridi di te stesso è molto meglio"

      Elimina
    2. Il consiglio di pg 109 è oro colato, vorrei riuscire a farlo più spesso!

      Elimina
  2. Ottolenghi! Adoro i suoi libri! Io ho Jerusalem: non cucino mai, ma vale la pena di averlo anche solo per quelle splendide foto!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. esatto! ho anche Jérusalem e non so quante volte l'ho sfogliato!
      ho provato anche un paio di ricette, ma solo guardare le foto è impagabile.
      ciao silvia

      Elimina