venerdì 16 dicembre 2011

C'è speranza per tutte?

Stamattina, durante la quotidiana (in questo periodo deprimente) lettura del Corriere on line, mi sono imbattuta in questo articolo:
SU «IO DONNA »
A 50 anni meglio un’ora di sesso che il botox
A 50 anni meglio un’ora di sesso che il botox
Parla Inès de La Fressange: «Bisogna accettare di diventare vecchi» di Maria Luisa Agnese
Ora... considerando che la fonte di tale affermazione è per me un'assoluta icona di stile e - credo indiscutibilmente - una cinquantenne di tutto rispetto, e sempre che la signora non abbia avuto il coraggio di mentire a noi povere mortali proprio sotto Natale... vuoi vedere che c'è speranza per tutte?
Magari partendo un po' in anticipo rispetto ai fatidici 50 possiamo farcela anche noi... e la cura non sembra neppure particolarmente fastidiosa.. :)))

6 commenti:

  1. Se mi e' consentito un commento... dipende dal collaboratore;-))

    RispondiElimina
  2. @NHT: commento consentito, ma non pertinente nel caso di specie... si vede che non hai approfondito.
    Studia, studia...

    RispondiElimina
  3. I rimedi delle nonne non sbagliano mai :)

    RispondiElimina
  4. @Sogno: in effetti la pelle di mia nonna era invidiabile... mi sa che non mi ha raccontato un sacco di cose... :)

    RispondiElimina
  5. Però dipende anche dal fatto che non tutte le 50enni hanno a disposizione l'alternativa al botox... Insomma, a una certa età non è così facile procurarselo! ;))

    Saluti cari
    Cinzia

    RispondiElimina
  6. cara Cinzia... il tasto in effetti è dolente, anche prima dei 50 anni! :))
    cari saluti e buona giornata

    RispondiElimina